Powered by

Ritorni su Turismo in Finlandia

Lapponia

L'esotico grande nord occupa quasi un terzo della superficie totale della Finlandia, e il suo paesaggio varia dalle foreste del sud agli sterminati spazi della nuda tundra a nord, punteggiati da grandi fiumi, laghi e basse colline tondeggianti dette tunturi.

Lago di Inari Secondo i normali stereotipi la Lapponia è la terra delle renne, di Babbo Natale e del sole di mezzanotte, ma ciò non rende giustizia ad una regione che supera in bellezza ogni descrizione. Qui, in cottages spartani, vengono a passare le vacanze i finlandesi di città, mentre i turisti stranieri si affollano soprattutto nei periodi del buio polare (in inverno) e della luce perenne (Giugno-Luglio). Quasi tutti passano per il capoluogo della regione, la piccola Rovaniemi, distrutta dai tedeschi alla fine della II guerra mondiale e ricostruita secondo i dettami urbanistici dell'onnipresente Alvar Aalto.

Pyhatunturi Si sale ancora più a nord: a Kemijarvi ha luogo ogni anno la settimana di gare tra scultori del legno; nella Lapponia centro-orientale sono numerosi i tunturi su cui funzionano centri di sport invernali ed estivi; al circolo polare troviamo la Bottega di Babbo Natale, con souvenir e bar; non lontano dal villaggio di Rauna ecco le gare di pesca sul lago Simojarvi.

A Inari, in Marzo, si svolgono caratteristiche corse di renne; da vedere anche il museo etnografico lappone a cielo aperto (Saamelaismuseo) con tipici oggetti artigianali e ricostruzioni di vita quotidiana. Lo spettacoloso lago di Inari, con la degna cornice circostante, segnano uno dei momenti più belli di una vacanza in Finlandia; da qui in poi non rimane che l'immenso deserto bianco che si spinge fino al Polo.


Aurora boreale